Lettori fissi

mercoledì 8 ottobre 2014

Mi date una mano se potete?

Non so se vi ricordate del mio post del 7 settembre scorso in cui esordivo dicendo che avrei voluto scrivere tutt'altro ma che invece avevo pensato fosse meglio cambiare idea per timore di cadere di nuovo in preda a rabbia e sconforto. Beh oggi a distanza di un mese, dopo una telefonata di ieri con l'assicurazione, ho deciso di scrivere quel post sia per dare sfogo  alla rabbia rimasta in me e sia per chiedere un aiuto a chi di voi magari ne mastica qualcosa in materia assicurativa. Ecco i fatti.

Il 6 settembre vengo raggiunta al mare dalla telefonata della portinaia dell'appartamentino che avevo in affitto da ragazza e che ho tuttora, che mi avverte appunto che si sta allagando. Penserete che solo una pazza può pagare per circa 20 anni un affitto di una casa, seppur piccola, non abitandoci, ma i motivi ci sono, altrimenti quei soldi li avrei utilizzati diversamente credetemi.

Premetto che é la seconda volta che succede una cosa del genere. Solo che la prima volta (sempre d'estate, mentre ero in vacanza), l'acqua é defluita per le scale del palazzo e dal terrazzo dove c'é l'attacco della lavatrice e quindi non ho avuto danni a mobili e cose, anzi é stata rifatta interamente la cucina  in quanto hanno dovuto rompere il punto della colonna di scarico ostruito e non avendo le maioliche e i pavimenti di 20 anni prima,  il proprietario é stato costretto a rifarla tutta. 

Questa volta invece quando sono arrivata, come esco dall'ascensore sento un tanfo da morire e penso subito alle tubature del bagno! Man mano che mi avvicinavo alla porta il fetore aumentava ed io avevo il panico ad aprire. Una volta aperto, da una parte mi sono sentita sollevata perché non si trattava delle acque sporche, ma dall'altra mi sono sentita disperata per le condizioni in cui era la casa. Il lavandino della cucina era stracolmo di acqua grassa, nera, puzzolente, piena di tutto: spaghetti, insalata, peperoni, semi di cocomero, ecc. ecc. che traboccando, oltre che andare sul pavimento di cucina, ingresso e saloncino, aveva riempito i cassetti e le basi sottostanti con tutto il contenuto. Nella lavatrice c'era la stessa acqua, come pure nella lavastoviglie! Per terra quest'acqua grassa e putrida arrivava quasi fino al battiscopa e si doveva stare attenti per non scivolare con tutto l'olio che c'era ed ovviamente ha rovinato anche le basi di un mobile a ponte che ho nell'ingresso. 

I mobili della mia cucina erano nuovi in quanto li avevo rifatta in seguito al primo allagamento di qualche anno fa, non tanto perché l'altra si fosse rovinata, ma perché me l'avevano data i miei genitori quando ero andata ad abitare li, scomponendo una cucina grande che avevano loro. Colsi l'occasione delle maioliche e pavimento nuovi per comprarmi una nuova cucina con tutti gli elettrodomestici. Voi direte che sono matta lo so, ma non é così. Io ho una passione per la casa in generale e in particolare quella casina l'adoro, la sento come se fosse mia, mentre quella in cui abito pur essendo molto più grande ed in una zona più signorile, non avendola scelta io, come non ho scelto mobili o altro, non mi piace perché non mi rappresenta, tranne la cucina che é nuova. Insomma un disastro! Ci sono voluti 3 giorni per trovare l'ostruzione. Durante questi 3 giorni gli inquilini dei piani superiori sono stati invitati gentilmente a non usare l'acqua della cucina altrimenti avrei avuto di nuovo un allagamento. Beh mentre eravamo li con la ditta delle pulizie qualche imbecille maleducato mi ha di nuovo allagato la cucina con l'acqua della lavatura dei piatti, perché era sporca di sugo. 

Per farla breve tutta la parte inferiore della cucina é da buttare, (tranne piano cottura e forno). 3 metri e 60 di cucina, comprensivi anche di lavastoviglie, lavatrice e frigo sono già in discarica. Io ho dovuto anticipare i soldi per la rimozione dei mobili rovinati e la pulizia e sanificazione degli ambienti e nonostante ciò sembra che in casa io abbia dei cadaveri. La ditta di pulizie mi ha detto che quel grasso come é colato all'inquilina di sotto, così é rimasto imprigionato nel massetto dei miei pavimenti e difficilmente quel puzzo di putridume se ne andrà. Ho speso non so quanto per i migliori deodoranti, ma nemmeno si sentono, tanto é il fetore.

Quando dopo quasi 20 giorni é venuto il perito (minacciando che avrei chiamato l'Asl visto che c'erano tante larve d'insetti), lui stesso é rimasto esterrefatto nel sentire il puzzo e nel vedere le condizioni dei mobili e tutte le foto che avevamo fatto. Però a malincuore mi ha detto che nonostante notasse che la parte superiore della cucina fosse intonsa, comunque l'assicurazione tiene conto dell'usura! E io sempre per essere corretta, come una scema gli sono andata a dire che aveva 5 anni! A saperlo chi glielo diceva! Gli elettrodomestici li avrò usati 7-8 volte. Insomma dalla telefonata di ieri vengo a sapere che loro eventualmente indennizzano - sempre considerandola usurata - sempre e solo la parte rovinata. Ma io come faccio, la mia cucina sfortunatamente non la fanno più, Fortunata più che mai non trovate? La prima cosa che ho fatto quando mi sono resa conto che era da buttare ho telefonato subito dove l'avevo comprata per sapere se potevo avere un preventivo e cosa mi dicono? Che l'azienda che la produceva é fallita.

Ora io vorrei sapere se tra voi c'é chi lavora nell'ambiente assicurativo o se qualcuna ha competenze legali per sapere come comportarmi. Dunque loro mi risarciranno la parte inferiore della cucina decurtata dell'usura, quindi non mi daranno quasi niente. Ma ammesso che con quel poco che mi daranno io ci possa fare qualcosa,  cosa faccio metà cucina d'un modo e metà d'un altro? Ma poi il fatto é che la mia era di un colore particolare. Fosse stata color frassino, ciliegio, noce, castagno, panna, bianco, tanto tanto si poteva rimediare ma il mio colore non si trova.  E tutta la biancheria buttata? E tutte le pentole, posate, attrezzi vari da cucina che dopo averli visti galleggiare in quella melma schifosa non userei più nemmeno se ritornassero vergini? Possibile  che dopo il danno anche la beffa? Per qualcosa di cui io non sono responsabile mi ndevo accollare ilm costo di una nuova cucina? E poi cosa strana, loro vogliono che io gli dica una cifra. Ma a me consta che dovrebbero essere loro che devono darla a me o sbaglio? 

Se dovessi andare per vie legali che speranze avrei? E nei confronti di chi, eventualmente dovrei adire le vie legali, del proprietario o dell'assicurazione? Intanto gli ho detto che voglio una copia della polizza per capire cosa prevede e cosa mi spetta, poi vedremo. 

Mi date una mano se potete? Grazie mille sin d'ora.

Ad integrazione del lungo e noioso racconto, di cui mi scuso, perché non pensiate che magari ho esagerato nelle descrizioni, pubblico solo una minima  parte di foto prese a caso dalla cartella consegnata all'assicurazione.




































31 commenti:

  1. Ciao. Mi spiace per il caos che ti è successo, e intanto farei come te, vorrei la polizza in mano per vedere cosa mi spetta in quale caso.
    Poi la farei vedere a qualche amico avvocato per capire cosa posso fare.
    Certo, io avrei buttato pure di tutto e di più. Anche a guardare le foto...scusami, ma viene proprio da star male...
    Non saprei come aiutarti, mi spiace. Ma magari tra le blogger c'è qualcuno che può darti info, anche se penso che un avvocato che ti siede di fronte, sia la cosa migliore.
    Tienici aggiornati. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se dovessi ricorrere ad un legale mi auguro soltanto di trovare una persona onesta perché se ti dico che cosa é capitato a mia sorella con gli avvocati in una causa penale e civile che va avanti da 10 anni, ti verrebbe il voltastomaco.

      Elimina
  2. Che disastro...anche io butterei in blocco tutti gli attrezzi per cucinare, non riuscire più ad usarli.
    Non so aiutarti, mi spiace però sappi che ti capisco, so cosa vuol dire aver la casa devastata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho buttato perfino lo zerbino fuori porta dove ci siamo asciugati scarpe e sandali (anche quelli buttati, che ne sapevamo di trovare acqua sporca? Altrimenti ci saremmo attrezzati)

      Elimina
  3. Che disastro, cara. La penso come Barbara, ci vuole un avvocato.
    Un abbraccio.
    Emy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei evitarlo se possibile perché sai quanto costano e quanto durano le cause, ma prima di decidere devo avere la polizza.

      Elimina
  4. mamma mia che disastro! che sfortuna! mi dispiace non poterti aiutare ma di assicurazioni non mi intendo proprio..e nemmeno di avvocati...:( forza e coraggio! ciao ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie lo stesso Cecilia, io ho provato a fare questo post sperando di avere almeno qui un pizzico di fortuna, ma per ora sembra proprio di no.

      Elimina
  5. Allucinante! Ma in tutto il palazzo solo a te è successo? C'è stato un ritorno delle acque di scarico dalla cucina, mi pare di aver capito. In mezzo a tutta quella schifezza ho visto le tovagliette con le mele che avevo anche io. Io non ti posso aiutare ma credo che vista la gravità della cosa sia meglio sentire un avvocato. Ti faccio tanti auguri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si in tutto il palazzo per ben 2 volte é successo a me e l'altro giorno ho saputo da una vicina che una settimana fa si é verificato lo stesso guasto in un palazzo attaccato al mio.

      Elimina
  6. Mi dispiace moltissimo per quello che ti è successo. Purtroppo nemmeno io so come aiutarti, ma sappi che siamo in tante a sostenerti e spero che leggere i nostri messaggi possa aiutarti a sentirti più forte.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certamente avere la vicinanza di tante belle persone come voi aiuta , grazie.

      Elimina
  7. No, che disastro, io non ne so niente di cose legali, ma leggerei bene la polizza e mi consulterei con un avvocato oppure con un'associazione di consumatori, so che hanno legali specializzati anche in truffe assicurative, spero tu possa risolvere al meglio!!! Un abbraccio Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. All'associazione dei consumatori non avevo pensato, potrebbe essere un'idea, grazie.

      Elimina
  8. È terribile quello che ti è successo. Mi dispiace. Non so aiutarti legalmente, ma per la puzza, non si può fare qualcosa utilizzando il bicarbonato? Magari dico una sciocchezza ma prova a guardare su internet, so che lo consigliano per tante cose.. forse più per i tessuti. Ma a volte.. tentar non nuoce..

    RispondiElimina
  9. Maria Rosaria io il bicarbonato lo tengo sempre nel frigo per assorbire eventuali odori forti tipo melone, peperoni, gorgonzola e neanche ho tanto successo, figurati con quella puzza di morto che c'é in casa cosa potrebbe fare il bicarbonato. La ditta specializzata in queste cose é stata corretta, me l'ha detto subito che non sarebbe andata via, bisognerebbe cambiare i pavimenti. Non mi rimborsano la cucina, figuriamoci i pavimenti!

    RispondiElimina
  10. effettivamente prova con l'associazione dei consumatori. Purtroppo non ho esperienza in merito assicurativo. Ma non hai neppure qualche conoscente che fa l'avvocato? Potresti chieder un consulto. Ma l'inquilina non si era accorta di nulla; che l'acqua non sgorgava regolarmente? Mi dispiace tanto, ci credo che sei arrabbiata. Non fartene una passione. Spero che tu possa risolvere nel miglior modo, sinceramente.

    RispondiElimina
  11. Ciao. Mi dispiace per la catastrofe. Per prima cosa, la polizza. A volte sono piene di passaggi che dipendono dall'interpretazione. Da quello che ho visto io "dall'interno", spesso le persone che stressano parecchio l'assicurazione ottengono di più di chi sta buono e zitto, quindi: fatti sentire. Gli avvocati sono utili se ne trovi di competenti e onesti. Puoi consultare anche associazioni di consumatori tipo Altroconsumo. L'associazione dedicata agli utenti di servizi bancari e assicurativi è l'Adusbef. Un grande in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  12. Mamma mia che disastro, mi dispiace tanto, non so niente riguardo a queste cose, ma come hai detto tutto la polizza ti deve dare qualche risposta, spero che possa risolvere tutto nel migliore dei modi!

    RispondiElimina
  13. Lo spero tanto anch'io, grazie.

    RispondiElimina
  14. Cara Annamaria, purtroppo la politica delle Assicurazioni è proprio quella di risarcire il meno possibile. Fatti dare la Polizza e guarda bene ogni clausola, anche a quanto ammonta la franchigia!
    Metti nell'elenco oltre al valore della cucina anche la stima di tutti gli utensili, tovaglie e zerbino che hai dovuto buttare, eventuali fatture sostenute per la pulizia e la sanificazione.
    Cerca anche di capire il motivo per cui è successo questo fatto increscioso, potrebbe essere che le tubature del condominio non siano a norma se scaricano nel tuo appartamento... Credo che dovresti sentire un idraulico per saperlo con certezza.
    Dopo di che, rivolgiti ad un avvocato o, per spendere meno, ad un'associazione o Sindacato (hanno i loro legali che ti possono seguire) è sempre un incentivo a far si che le Assicurazioni ti vengano incontro e alzino la loro offerta di risarcimento.
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  15. Cara Elena, come ho scritto la polizza già gliel'ho chiesta e ho l'impressione che non sarà facile averla. E' già la seconda volta che succede questo guaio e guarda caso sempre d'estate, nel periodo feriale e sempre nello stesso punto si crea questa ostruzione che danneggia esclusivamente me e di conseguenza in parte l'inquilina di sotto. Ma se in casa ci avesse vissuto un'intera famiglia di 3/4 persone, ora come facevano senza l'uso di cucina e con il persistente tanfo? Andavano in albergo? Nooooooo, perché loro il "disagio" non lo indennizzano! Se chiamo un idraulico mi dovrei sobbarcare anche quest'altra spesa e siamo sicuri che poi me le risarciranno? Sicuramente l'idea di un'Associazione Consumatori per es. mi piace di più, anche perché a volte gli avvocati non si comportano in modo etico e l'interessato ci va perfino a rimettere. Che dirti? Crepi il lupo!

    RispondiElimina
  16. Che disastro Anna Maria...Spero che tu riesca presto a risolvere tutto nel miglior modo...
    Un abbraccio
    Dona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me lo auguro anch'io Dona, incrociate le dita per me o se siete credenti dite una preghierina! Un bacio.

      Elimina
  17. Che brutta cosa!!!
    Non so cosa dirti: io con le assicurazioni sono stata particolarmente sfortunata, dopo anni di pagamenti puntuali di migliaia di euro non mi hanno risarcita per un incidente da duemila e ho dovuto anche pagare il loro avvocato (il mio agente assicurativo mi aveva garantito l'indennizzo...). Non sono proprio la persona con cui parlare di queste cose, darei fuoco a tutte!!!
    Ti auguro di trovare una soluzione ma penso che tutto ciò che è rimasto immerso e sia poroso ha assorbito e quindi sia fa buttare!!! I pavimenti? Non ho idea, posso chiedere al marito, è muratore, ma la vedo proprio brutta!
    Ma i vicini non sentiva puzza passando? Quanto tempo è rimasta immersa la casa?
    In bocca al lupo, non so cos'altro dirti!!!
    Anna

    RispondiElimina
  18. Se chiedi a tuo marito per i pavimenti Anna già questo mi sarebbe d'aiuto. Quanto ai vicini, ti dico solo che quando sono arrivata al portone, sono salita insieme all'inquilina che abita sopra di me. Io appena uscita dall'ascensore ho subito avvertito il tanfo e l'ho detto e lei diceva assolutamente di no. Poi una volta davanti alla porta - che dista circa 4 metri dall'ascensore - momenti svengo perché quel puzzo ovviamente si sentiva il doppio! Ma la signora insisteva che era una mia impressione. E comunque prima che tutta quella sporcizia attraversasse il pavimento per colare nell'appartamento di sotto almeno un giorno intero se non di più c'é voluto. Poi considera che di sabato la portinaia non c'era, l'hanno dovuta rintracciare per avere il telefono dato che i miei vicini in possesso del mio n. di telefono erano in ferie e tutto questo ha allungato i tempi. Ora aspetto la proposta dell'assicurazione e poi deciderò il da farsi con la polizza in mano ovviamente. Crepi il lupo e ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho chiesto... dice di usare litri e litri di candeggina. Inutile smontare i pavimenti, comunque quello che è filtrato è praticamente solo acqua, la puzza è nelle mattonelle quindi, tanti e ripetuti lavaggi con candeggina e finestre aperte, tutto il resto è spesa inutile (parlando sempre di pavimenti, i mobili è altra cosa!)!!!
      Anna

      Elimina
    2. Ringrazio te e tuo marito Anna, é stato gentilissimo. Proverò e ti farò sapere. Ciao.

      Elimina
  19. Anna Maria che disastro. Mi sa che ci sarebbero tutte le tubature di scarico del palazzo da fare e non solo le tue!!!!

    In bocca al lupo
    Barbara
    http://fili-di-parole-over-blog.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Crepi 'sto lupo e tutti i lupacchiotti Barbara! Grazie

      Elimina
  20. Oh, Signur.....che disastro!

    RispondiElimina