Lettori fissi

martedì 7 aprile 2015

Da così.......a così!

Le amiche più fedeli ormai sanno che oltre alla passione del cucito creativo, della cucina, dei viaggi, ecc.,  negli ultimi tempi mi sono avvicinata anche allo shabby chic. Nel senso che mi piace trasformare alcuni mobili e oggetti che non mi piacciono più nella loro veste originale in quello stile che da un po' di tempo va molto di moda (ma che a me piace da sempre) e che purtroppo sta facendo fare a tante persone dei veri e propri sacrilegi nei confronti di mobili anche importanti ed in buono stato. 

Io per fortuna finora ho utilizzato questa tecnica su cose che non erano di famiglia, bensì comprate in mercatini dell'usato e soprattutto a prezzi ultra convenienti, per arredare una piccola casa che ho al paese e per la quale non intendevo assolutamente spendere molto. Alla fine ci sono riuscita e devo dire che sono stata fortunata perché adesso anche nei mercatini dell'usato i prezzi sono saliti moltissimo, in quanto ormai é palese che soprattutto noi donne compriamo questi vecchi mobili per trasformarli e destinarli a nuova vita nelle nostre case.

Io non ho più spazio per mobili da trasformare in shabby chic, ma avendo appreso ultimamente due tecniche che si applicano a questo stile, volevo di nuovo metterle in pratica per esercitarmi. Così seguendo un tutorial su un gruppo di FB ho dapprima lavorato su una bruttissima cornicetta che da anni tenevo in un cassetto e con il dry brush l'ho fatta diventare da così



Cornice originale







Cornice carteggiata





Cornice con fondo


a così!















Cornice finita





E poi ci ho inserito un grazioso trasferimento d'immagine

E poi ho voluto riprovare la tecnica della patinatura (già usata per  un portariviste di legno per il quale ho pubblicato già un post). Questa volta però su una cornice di plastica anziché di legno. Infatti sulla plastica va dato un fondo diverso da quello che si da sul legno. Così ho acquistato per pochi euro una cornice di plastica in un colore che non avrei giammai usato, e da così











é diventata così, con appunto la tecnica della patinatura.





Sicuramente a me piacciono entrambe più adesso. Ma indipendentemente da questo, io le ho fatte esclusivamente per fare esercizio. Secondo me é inutile imparare qualcosa, in particolare se piace, se poi non la si mette in pratica almeno di tanto in tanto.

8 commenti:

  1. brava per la trasformazione delle due cornici...molto molto d'effetto.
    un saluto

    RispondiElimina
  2. Grazie Barbara, mi fa piacere che il risultato piaccia anche a te.

    RispondiElimina
  3. Mi piacciono molto come sono venute....benissimo .glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gentilissima Gloria, grazie.

      Elimina
  4. Ottimo risultato è una nuova vita per oggetti che altrimenti chissà dove finirebbero....
    Bravissima
    Raffaella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio così Raffaella, avendo più oggetti che non uso perché non mi piacciono, ho deciso di dargli nuova vita in un modo o nell'altro perché l'idea di buttarli mi disturba parecchio. Grazie della visita.

      Elimina
  5. Sei stata davvero brava due cornici cambiate e sicuramente molto migliorate in particolare mi piace la seconda ne ho usata una io per un ricamo ma è bianca!!bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io Gabri preferisco la seconda. La prima l'ho usata solo per non buttarla e perché ero curiosissima di provare la tecnica del dry brush. Grazie anche a te per esserti affacciata nel mio blogghino.

      Elimina